Modellismo Magichands
Modellismo Magichands

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ritorno al futuro (Back to the Future) è un film del 1985 diretto da Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox e Christopher Lloyd.

Primo episodio della trilogia omonima, è considerato un'icona del cinema degli anni ottanta e ha riscosso un enorme successo a livello internazionale. La pellicola ha ricevuto il premio Oscar al miglior montaggio sonoro.

Nel 2007 è stato scelto per essere conservato nel National Film Registro della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

In occasione del suo 25º anniversario, il 27 ottobre 2010 il film è stato riproposto per un solo giorno nelle sale cinematografiche italiane.

Visto il grande successo del 2010 l'intera trilogia verrà rimasterizzata in digitale da Nexo Digital. Il primo film della saga verrà riproposto il 5 dicembre 2012. I restanti due nel corso del 2013.

Trama

Hill Valley, California. La storia ha inizio il 25 ottobre 1985. Marty McFly è uno studente di liceo diciassettenne, poco disciplinato, spesso ritardatario, fidanzato con Jennifer Parker, una sua coetanea compagna di scuola. Si diletta a suonare con una rock band, con scarse fortune: il gruppo viene infatti bocciato al provino per suonare al ballo della scuola. In famiglia, suo padre George è da sempre succube di Biff Tannen, ora suo capoufficio, e il ragazzo non si dà pace della piatta esistenza dei suoi genitori (la madre, Lorraine, è una donna imbruttita e inacidita dalla non certo esaltante vita con George) e dei suoi due fratelli (due nullafacenti). Marty è solito frequentare un maturo scienziato di nome Emmett "Doc" Brown.

Marty raggiunge Doc in un parcheggio dove deve filmare un esperimento che consiste nell'inviare nel futuro (un minuto avanti) il cane di quest'ultimo, Einstein, per mezzo di una DeLorean trasformata in macchina del tempo. L'esperimento riesce, ma subito dopo sopraggiunge un commando terroristico dalla Libia (al tempo stato canaglia degli Stati Uniti) al cui governo Doc aveva rubato del plutonio, necessario per generare il "flusso canalizzatore", indispensabile per il viaggio nel tempo. Doc viene ferito mortalmente e Marty, fuggendo con la vettura, aziona involontariamente l'apparecchio, ritrovandosi catapultato indietro nel tempo, al 5 novembre 1955, data che Doc aveva digitato sul display per spiegarne a Marty il funzionamento e in corrispondenza della quale aveva sognato per la prima volta il flusso canalizzatore che ne permette il funzionamento.

Marty visita così la Hill Valley degli anni cinquanta, tranquilla cittadina di provincia, alla ricerca del giovane Doc per farsi aiutare a tornare indietro nella sua epoca ma dapprima incontra la versione giovane di suo padre, puntualmente vessato dal giovane Tannen, e, nel seguirlo, finisce con l'intromettersi nel suo passato. Marty infatti incappa nella sua futura madre, civettuola e svampita, la quale si invaghisce di lui come altrimenti si era invaghita di George, da lei soccorso a casa sua a seguito di un investimento. Marty raggiunge finalmente il giovane Doc, il quale, superata ogni incredulità, tenta di aiutarlo. Il Doc del futuro avrebbe digitato proprio quella data del 1955 perché quello era stato il giorno in cui aveva trovato l'ispirazione che lo avrebbe poi condotto alla sua invenzione di trent'anni dopo.

Purtroppo lo scienziato non dispone del plutonio necessario per far funzionare la macchina. L'unica alternativa in grado di fornire la potenza richiesta, pari a 1,21 gigawatt, sarebbe quella di sfruttare la scarica di un fulmine, ma "Doc" non la considera praticabile data l'impossibilità di prevedere dove e quando un simile evento sarebbe accaduto. Marty, tuttavia, riaccende la speranza: lui sa che un fulmine si sarebbe abbattuto di lì a una settimana sull'orologio del municipio, evento che fa parte della storia della cittadina. Nel frattempo Marty deve rimediare ai cambiamenti che stanno minacciando la sua futura famiglia e la sua stessa esistenza, ovvero far cambiare idea alla sua futura madre oramai desiderosa di lui. Marty fa amicizia con lo sparuto e impacciato George, spingendolo con ogni mezzo, anche dei più assurdi, ad avvicinarsi a Lorraine, cui non sembra interessato, fino a proporgli una messinscena dove il futuro padre dovrebbe salvare la ragazza da una prepotenza di Marty.

Le cose vanno diversamente. Lorraine bacia ardentemente il suo futuro figlio. Biff, detestando Marty e George per dei recenti episodi, sopraggiunge con i suoi amici chiudendo il ragazzo in un bagagliaio e picchiando George, il quale però reagisce con successo a un tentativo di violenza sulla ragazza dello stesso Biff, riscattandosi definitivamente. Marty viene salvato da una blues band ma il loro leader Marvin Berry, cugino del celebre Chuck, ferito nel tentativo di liberarlo, trova nel ragazzo un sostituto, improvvisando un brano rock 'n' roll che sarebbe stato portato al successo dallo stesso Chuck.

Il futuro di Marty è salvo, così riesce a raggiungere Doc nell'ora e nel luogo convenuto dove sta per cadere il fulmine, non prima di avergli consegnato una lettera dove gli svela la sua morte per mano terroristica. Doc, restìo a conoscere il suo avvenire per non rischiare di perturbarlo, si rifiuta di leggerla. Una volta tornato nel 1985 Marty scopre però che il presente riserva più di una sorpresa. Doc gli rivela di aver poi letto la missiva premunendosi dagli assassini ma soprattutto il ragazzo si trova in un clima familiare totalmente cambiato. Suo padre è uno scrittore di successo, Lorraine è in forma smagliante, suo fratello e sua sorella hanno una brillante carriera. Biff Tannen è uno sparuto dipendente di un autolavaggio. Marty ha fatto sì che il sogno americano si sia avverato nella sua famiglia. Marty sembra cominciare una nuova vita tra la serenità e il lusso quando sopraggiunge Doc con abiti di foggia futuribile, esortandolo a partire per un nuovo viaggio temporale onde salvare nuovamente la sua famiglia. Stavolta nel futuro.

Marty McFly interpretato da Michael J Fox guida una Delorean DMC 12

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Brazil è un film del 1985 diretto da Terry Gilliam.

Il film è ambientato in un non meglio specificato futuro in cui la burocrazia ha preso il sopravvento in ogni attività dell'uomo e, combinata al cinismo spietato dei potenti, uccide chi tenta di ribellarsi e i pochi che ancora riescono a sognare.

Trama

La storia si svolge in un ipotetico mondo futuristico governato da meschinità e burocrazia. Il protagonista è Sam Lowry, un umile impiegato del Ministero dell'Informazione che ha frequenti sogni ad occhi aperti dove vede se stesso salvare una misteriosa fanciulla, indossando un'armatura alata.

Un giorno a Sam viene dato l'incarico di correggere un errore di stampa di un file causato da una mosca incastrata in una stampante. Purtroppo l'errore ha già causato l'arresto, il processo e l'esecuzione di un certo Archibald Buttle al posto di un ricercato terrorista chiamato Archibald "Harry" Tuttle. Quando Sam va a visitare la vedova del signor Buttle viene a conoscenza di una ragazza chiamata Jill Layton, identica alla fanciulla che sogna. Jill è etichettata come alleata del terrorista per aver cercato di aiutare la signora Buttle e dare la colpa agli stessi burocrati dell'ingiustizia.

Intanto Sam viene a contatto con il vero terrorista, Tuttle, che vive sotto le spoglie di un tecnico dell'aria condizionata e cerca di aiutarlo contro due tecnici del Central Service che devastano l'abitazione di Sam. Tuttle un tempo lavorava per un altro governo, ma ha organizzato una ribellione contro i burocrati. Pur di rintracciare la ragazza che ama, Sam accetta una delle varie promozioni che aveva rifiutato in passato, che in realtà erano tutte organizzate da sua madre, Ida (che tenta di ringiovanire attraverso estremi interventi facciali cosmetici eseguiti dal dottor Jaffe), la quale frequenta ufficiali di alto rango. Sam viene così promosso come dirigente al "Reparto recupero informazioni" e dopo varie vicissitudini, riesce finalmente ad incontrare Jill e dimostrarle il suo amore. Sam si intrufola poi nell'ufficio del vice ministro Eugine Helpmann e nel database principale scrive sul dossier di Jill che lei è morta, rendendola così libera dal governo.

Sam e Jill, in seguito, hanno un romantico appuntamento al buio. Il mattino dopo gli agenti delle forze dell'ordine irrompono e arrestano Sam legandolo su una sedia e rinchiudendolo in un'enorme sala cilindrica, dove sarebbe stato presto torturato da un suo vecchio amico, Jack Lint. Prima che ciò avvenga però, Tuttle irrompe dal soffitto con altri ribelli che sparano a Jack, salvano Sam e fuggono distruggendo il Ministero dei burocrati.

Tuttle scompare dopo essere stato sommerso dai fogli di carta del palazzo mentre Sam, dopo essersi salvato, si reca dalla madre, che è al funerale di una sua amica, Alma Terrain, morta a causa di esasperati interventi estetici eseguiti dal nano Dr. Chapman. Sam scopre però che la madre ha l'aspetto di Jill, circondata da ammiratori e poco dopo irrompono di nuovo gli agenti ma Sam cade nella bara della deceduta precipitando in uno psichedelico mondo misto con i suoi sogni e continua a scappare salendo in cima a una pila di tubi non utilizzati, dove scopre una porta e, attraversandola, si ritrova a fuggire in un rimorchio guidato dall'amata Jill. I due finalmente fuggono dalla metropoli e dal governo.

Nel finale, lo spettatore del film comprende che questo lieto fine si è svolto tutto in un sogno di Sam, ancora legato e rinchiuso nella sala, insieme a Jack e Helpmann. Sam appare in stato catatonico e sorride canticchiando Aquarela do Brasil. Helpmann e Jack, giudicando professionalmente il caso di Sam, lo considerano perso ed escono dalla sala lasciando Sam nel suo mondo dei sogni.

Sam Lowry interpretato da Jonathan Pryce guida una Messersmith a tre ruote modificata con turbina.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'uomo che visse nel futuro (The Time Machine) è un film di fantascienza del 1960 diretto dal regista George Pal. Il film è tratto dal popolare romanzo di H. G. Wells La macchina del tempo del 1895, anche se parte della trama è stata adattata alle esigenze della società statunitense del 1960. Il film viene considerato un classico del genere fantascientifico. Nel 2002 ne è stato realizzato un remake, The Time Machine, diretto da Simon Wells.

Trama

Nell'Inghilterra di fine Ottocento, alla vigilia della festa di capodanno del 1900, un inventore, George Wells, costruisce una macchina del tempo e cerca di convincere alcuni notabili, invitati assieme all'amico David Filby, della propria scoperta. Data l'incredulità e facezia dei convenuti, decide di dimostrare la funzionalità della macchina sperimentandola segretamente su sé stesso e partire per un viaggio nel futuro, dando loro appuntamento cinque giorni dopo, a cena, per ragguagliarli e convincerli sugli sviluppi della sua invenzione.

Durante il viaggio effettua alcune fermate intermedie, nel 1917, precisamente il 13 settembre, apprende dal figlio ormai adulto di David Filby, il suo migliore amico, di essere misteriosamente scomparso all'inizio del secolo e dell'incombere della prima guerra mondiale; ripreso il viaggio, il 19 giugno 1940 si ferma per verificare alcune turbolenze constatando di essere nel bel mezzo di un bombardamento tedesco dove la sua casa viene distrutta; nella successiva fermata il 18 agosto del 1966, rincontra l'ormai vecchio James, figlio del suo migliore amico David, e apprende di essersi materializzato durante un'ipotetica guerra atomica; a causa dello scoppio del fungo atomico la devastante potenza della deflagrazione rompe la crosta terrestre ed il magma vulcanico sta quasi per raggiungerlo quando riesce ad azionare la macchina e a fuggire nel futuro. Molti secoli scorrono veloci ma il veicolo appare ancora sommerso dalla lava solidificata ed il viaggiatore decide di proseguire. Quando la roccia attorno all'abitacolo si disgrega, George interrompe bruscamente il viaggio ritrovandosi nell'anno 802701, precisamente il 12 ottobre.

Esplorando il mondo del remoto futuro post-atomico, apparentemente un eden lussureggiante e tranquillizzante, Wells incontra un gruppo di ragazzi e ragazze, giovani, biondi e di bell'aspetto, che si disinteressano di tutto, illetterati e senza governo, senza aspirazioni e che si limitano a vivere nell'ozio consumando il cibo e i beni che trovano inspiegabilmente preparati per loro in una antica rovina della precedente civiltà, che hanno irrimediabilmente dimenticato assieme a tutta la cultura e la scienza passate.

L'inventore salva la bella Weena mentre la ragazza stava per annegare nella totale indifferenza dei suoi compagni. Improvvisamente suona una sirena e dopo un trambusto inaspettato, la sua macchina del tempo viene trascinata dietro ad un pannello metallico che chiude un misterioso bunker sotterraneo, tra l'indifferenza della popolazione. George meditando sulla condizione retrograda di quell'umanità del futuro, si convince di doverli e poterli aiutare a progredire, in modo da essere la fiamma che può far risorgere quelle popolazioni inermi ed inette, e di conseguenza riavviare tutta la civiltà, ma prima deve recuperare la sua macchina misteriosamente trafugata.

Dalle frammentarie spiegazioni di Weena e soprattutto dagli anelli parlanti, un'avanzatissima tecnologia di archiviazione sopravvissuta nei millenni, apprende che due fazioni, l' est e l' ovest, si sono combattute per oltre 326 anni prima che germi mortali avessero saturata l'atmosfera; in seguito le fabbriche e le scorte d'ossigeno finirono e un gruppo di sopravvissuti decise di rifugiarsi sotto terra. Con il trascorrere del tempo chi viveva sottoterra divenne cannibale e "padrone" del bestiame umano che viveva in superficie, ovvero gli Eloi.

I mostruosi abitanti del sottosuolo, detti Morlock, vivendo nel buio hanno sviluppato occhi luminosi ma temono la luce ed il fuoco; sono antropofagi, si cibano degli indifesi Eloi che richiamano nelle caverne grazie a sirene potentissime, che risvegliano in loro l'atavico istinto a rifugiarsi sottoterra durante i bombardamenti, come conseguenza delle guerre passate.

Weena viene catturata ed il protagonista tenta di liberarla, combattendo contro i mostruosi Morlok all'interno delle caverne. Così facendo riesce a spronare e smuovere anche gli apatici Eloi che cominciano a combattere per la loro vita dimostrando un possibile risveglio della sopita volontà e una possibilità di riscatto dell'umanità.

Tutto finisce bene per gli Eloi, i Morlock sono sconfitti ma George, sconsolato, non sa come tornare e che cosa fare della sua vita in quel lontano futuro, solo Weena sembra dargli sollievo e speranza; quando riesce a recuperare la sua macchina del tempo vorrebbe portare la bella Weena con sé ma viene assalito da alcuni Morlok superstiti e nella colluttazione finisce per avviare la macchina che sfreccia verso un remotissimo futuro e poi invertendo la marcia, viaggia verso il passato, fino ai primi del 1900, proprio il giorno 5 gennaio, e rincontra i suoi scettici amici.

Stremato e provato, racconta concitatamente durante la cena tutti gli accadimenti del suo viaggio temporale, che appaiono troppo fantasiosi ai convenuti. Questi non gli credono e abbandonano la casa; tutti tranne il suo migliore amico Filby, che nutre qualche dubbio, ma al quale riesce a mostrare l'unica prova tangibile: un fiore di una specie botanica sconosciuta; Filby realizza la veridicità dell'avventura del viaggiatore. A questo punto però George è ormai deciso a restaurare la civiltà del mondo futuro e innamorato di Weena; un attimo prima che il suo amico possa entrare nel laboratorio, l'inventore riparte immediatamente per il futuro con tre libri (volutamente non specificati) per sviluppare una nuova civiltà; il suo amico ripromettendosi di conservare i beni di George, suggerisce che potrebbe eventualmente anche ritornare, dato che "ha tutto il tempo che vuole"...

Nella foto La Macchina del Tempo - Time Machine



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Transformers è un film d'azione fantascientifico del 2007 diretto da Michael Bay. Equivale alla trasposizione cinematografica live dei celebri Transformers, che si affianca all'omonimo film d'animazione prodotto nel 1986 e all'omonima serie animata del 1984-87.

In Italia il film è uscito nelle sale il 29 giugno 2007, in anticipo rispetto a quelle degli Stati Uniti dove è uscito il 2 luglio 2007.

Trama

Due razze aliene in guerra, gli Autobot e i Decepticon, trasferiscono il loro campo di battaglia dallo spazio alla Terra, alla ricerca di una potentissima fonte di energia, l'AllSpark.

Le prime avvisaglie dell'avvenimento si hanno quando una base militare statunitense in Qatar viene attaccata da Blackout, uno dei Decepticon, mimetizzato in modo da sembrare un elicottero militare statunitense (un Sikorsky MH-53 Pave Low), che fa strage di soldati allo scopo di penetrare la rete informatica militare e scaricare informazioni segrete. Il fatto non passa
inosservato e al Pentagono un gruppo di esperti cerca di decifrare la natura dell'attacco. Intanto
i superstiti, guidati dal Capitano Lennox, poco dopo vengono nuovamente assaliti nel deserto da Scorponok, un Decepticon dalle sembianze di uno scorpione e che si trovava nascosto all'interno di Blackout. Alla fine
la creatura viene messa in fuga con l'aiuto dell'aeronautica militare, ma lascia dietro di sé parte della sua coda, che verrà studiata dai militari.

La scena si sposta su Sam Witwicky, uno studente di scuola superiore intento a presentare una tesina sul suo trisavolo Archibald Witwicky, un esploratore che raggiunse il Polo Nord facendo misteriose scoperte che lo resero folle.

Sam riesce a strappare un buon voto al suo insegnante e a convincere così il padre a comprargli un'auto usata; giunti alla scalcinata rivendita di Bobby Bolivia, i due acquistano una Chevrolet Camaro gialla del 1974.
La notte però l'auto inizia a muoversi da sola e Sam crede che qualcuno la stia rubando; subito si getta all'inseguimento dell'auto sulla bicicletta della madre e fa un'incredibile scoperta: in realtà non si
tratta di un'auto ma di un Autobot (Bumblebee) sotto mentite spoglie, giunto sulla Terra per proteggerlo dall'attacco dei Decepticon.

Bumblebee lancia un segnale agli altri Autobot nello spazio perché scendano sulla Terra e lo aiutino nella sua missione.

Nel frattempo sull'Air Force One un altro Decepticon di minuscole dimensioni, Frenzy, nascosto sotto le mentite spoglie di una radio stereo, s'introduce nel mainframe della rete militare statunitense trasferendo nel contempo un virus informatico.

Scopo di questo hacking è trovare notizie sulla collocazione dell'AllSpark precipitato secoli prima sulla Terra, ma stavolta i tecnici del Pentagono non si fanno trovare impreparati e riescono a disattivare i server prima che Frenzy possa scaricare tutto.

Tra i dati scaricati, però, vi sono anche informazioni sulla spedizione del capitano Witwicky e un misterioso "progetto Iceman"; per questo motivo Frenzy, prima di essere interrotto, invia agli altri Decepticon presenti sulla Terra e nello spazio i dati relativi a Sam, che possiede un oggetto appartenuto al suo antenato molto importante per loro: i suoi occhiali.

Il robottino viene scoperto, ma riesce a uccidere tre agenti dei servizi segreti e a fuggire.

Intanto, Bumblebee torna in forma di Camaro da Sam che, avendo visto che la sua auto è viva, scappa sulla bici di sua madre; Bumblebee lo segue, Sam raggiunge un vecchio parcheggio e vede un'auto della polizia; cerca di chiedere aiuto ma ben presto l'auto della polizia si rivela essere il Decepticon Barricade; il Transformer interroga ferocemente Sam sul suo account eBay, ma il ragazzo non risponde e scappa; uscito dal parcheggio, interviene Bumblebee che porta via Sam e la sua compagna di classe Mikaela capitata
lì per caso. L'inseguimento termina alla centrale elettrica dove Bumblebee passa alla sua forma robotica e combatte ferocemente contro Barricade; alla fine vincerà l'Autobot, ma non prima che Barricade liberi Frenzy che assale i due umani, ma che viene decapitato da Mikaela; Frenzy riesce comunque a trasformare la sua testa nel telefono cellulare di lei e a nascondersi nella sua borsetta senza che nessuno se ne accorga. Più tardi, gli altri Autobot (Optimus Prime, Ratchet, Jazz e Ironhide) arrivano sulla Terra sotto forma di meteore e trasformandosi subito dopo in diversi veicoli.

Essi rintracciano il loro compagno Bumblebee e spiegano a Sam che cosa sta succedendo: il suo trisavolo aveva scoperto sotto la crosta di ghiaccio del Polo il corpo congelato di Megatron, il capo dei Decepticon precipitato sulla Terra inseguendo l'AllSpark e rimasto ibernato per migliaia di anni. Witwicky riattivò
involontariamente il robot e questo, con le poche funzioni attive che gli rimanevano, incise con un laser sugli occhiali dell'uomo la mappa con l'ubicazione dell'AllSpark.

Intanto, a una riunione presidenziale, il Segretario della Difesa degli Stati Uniti d'America Keller fa ascoltare uno strano messaggio che assomiglia molto a uno stridio assordante di cui non si comprende l'origine, un messaggio rilevato durante l'attacco in Qatar e poi di nuovo durante l'attacco all'Air Force One. Keller ha chiamato a sé un gruppo di giovanissimi e geniali analisti per capire l'origine del segnale.

Una di loro, Maggie, è convinta che il segnale non appartenga a nessuna nazione ma sia un organismo cibernetico evolutissimo anni luce dalla tecnologia umana, ma non viene creduta, e si rivolge a Glen, un geniale hacker,per scoprire da sola cosa sa l'esercito a riguardo. Subito dopo entra in scena il Settore 7, una segretissima agenzia governativa che si occupa dell'arrivo di alieni sul nostro pianeta e che spiega a Keller che l'origine dello stridio è extraterrestre.

Gli Autobot portano Sam e Mikaela a casa del ragazzo affinché trovi gli occhiali e, così, le coordinate di Megatron.

Ma irrompono in casa gli uomini del Settore 7 per arrestare Mikaela, Sam e i genitori del ragazzo.

Gli Autobot, che si erano nascosti, intervengono nel momento opportuno per trarli in salvo, ma il loro capo, il Sergente Simmons, chiama i rinforzi, che si gettano all'inseguimento dei ragazzi e dei robot.

Gli agenti riescono a catturare e immobilizzare Bumblebee per poi arrestare i ragazzi, ma gli amici Autobot non intervengono a difenderli per evitare di creare troppo danno agli umani (in quanto la loro coscienza gli impone di proteggerli).

Sam, Mikaela, la squadra del capitano Lennox, Maggie e Glen vengono condotti da Simmons nella base del Settore 7 sotto la diga di Hoover, dove li aspetta Keller.

Proprio qui sono custoditi dal 1935 sia Megatron (mantenuto inattivo per mezzo della criogenia, è lui infatti il cosiddetto "progetto Iceman"), sia l'AllSpark, che ha l'aspetto di un gigantesco cubo.

La testa di Frenzy riesce a scappare dalla borsetta di Mikaela, a rigenerarsi grazie al potere dell'AllSpark e a disattivare i sistemi energetici, causando lo scongelamento di Megatron, che uccide diversi uomini del Settore 7.

Intanto i Decepticon, informati da Frenzy di quanto è accaduto, sotto forma di vari veicoli raggiungono la diga di Hoover per ricongiungersi a Megatron che, libero, comincia a devastare tutto per scovare il cubo. Nel caos generale, Sam riesce a convincere i governativi a lasciare libero Bumblebee in modo che li possa aiutare.

Frattanto gli Autobot, grazie agli occhiali dell'avo Witwicky, li raggiungono e incaricano il ragazzo di custodire l'AllSpark, che nel frattempo è stato ridotto a un piccolo cubo da Bumblebee.

La battaglia finale tra Autobot e Decepticon si svolge a Los Angeles; a fianco degli Autobot vi sono i soldati esperti del capitano Lennox (che si rivela un provetto motociclista tanto da distruggere Blackout).
Grazie a Optimus Prime e ai militari quasi tutti i Decepticon vengono eliminati, ma fra i jet militari intervenuti in seguito alla battaglia vi è anche Starscream nella sua modalità di velivolo (F22 Raptor).
Intanto Bumblebee, terribilmente danneggiato alle gambe da Starscream, non può più camminare, e viene posto da Mikaela su un camion da dove può sparare mentre lei guida. In mezzo al caos e alla distruzione Sam fugge portando con sé il cubo, ma viene inseguito da Megatron stesso (che vuole ottenere il cubo per
trasformare tutta la tecnologia del mondo in un esercito di Decepticon al suo servizio, come viene brevemente detto): a difendere il giovane interviene Optimus Prime e così i capi delle due fazioni di robot si
preparano allo scontro finale. Dato che nessuno dei due riesce a prevalere sull'altro, Optimus Prime decide di sacrificarsi e chiede a Sam di inserire il cubo nella sua "scintilla" (la sorgente della sua energia, raggiungibile da una apertura presente sul suo petto) in modo da distruggerlo e impedire così che possa cadere nelle mani dell'avversario: Sam invece riesce a inserire il cubo nella "scintilla" di Megatron, eliminandolo.

Dato che l'AllSpark è stato distrutto, e con esso la possibilità di rigenerare il loro pianeta d'origine, gli Autobot superstiti - tutti tranne Jazz distrutto da Megatron - decidono di restare sulla Terra come guardiani dell'umanità e per rifondare qui una nuova Cybertron.

Tutti gli altri finalmente possono tornare a casa dalle loro famiglie. Mikaela e Sam si mettono insieme.

Ma non è finita: come mostra una breve scena all'inizio dei titoli di coda, Starscream lascia l'atmosfera terrestre per cercare altri Decepticon...

Il più simpatico dei Transformers, "Bumblebee" ritornato auto, una Chevrolet Camaro.

 

cinturoni, fondine, scatole porta armi