Modellismo Magichands
Modellismo Magichands

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Starsky & Hutch è una serie televisiva degli anni settanta, andata in onda sulla rete statunitense ABC tra il 30 aprile 1975 e il 15 maggio 1979.

In Italia è stata trasmessa su Rai 2 a partire dal 15 marzo 1979 il giovedì sera alle 20.40; successivamente è stata passata su Mediaset, tornando nell'estate del 2002 per un breve periodo su Rai 3. Dal settembre del 2008 è stata nuovamente trasmessa su Italia 1, nell'autunno del 2010 è stata trasmessa da Rete 4 e nell'autunno 2012 gli episodi sono trasmessi dall'emittente digitale in chiaro Iris.

La serie, creata da William Blinn, si compone di 93 episodi, di cui fanno parte 92 della durata di 48 minuti e un pilot di 90 minuti.

I protagonisti sono due poliziotti molto diversi per temperamento e stile di vita ma uniti da una grande amicizia, in servizio presso la nona Stazione di Polizia di Los Angeles (California), nell'attuale sede del Municipio denominata "San Pedro Municipal Building" ovvero "San Pedro's City Hall" (638 S. Beacon Street).

David Starsky (Paul Michael Glaser) è il poliziotto di strada, riccioli neri e andatura dinoccolata, giunto all'Accademia di Polizia dopo un'infanzia difficile (ha dovuto occuparsi della madre e del fratello minore dopo l'assassinio del padre) e l'esperienza della guerra in Vietnam. Disordinato, arruffato, impulsivo, si nutre esclusivamente nei fast food e non si separa mai dall'automatica nascosta sotto il giubbotto di pelle marrone. Inseparabili sono anche le scarpe sportive di colore celeste con strisce bianche marca Adidas modello "Vintage sl 76", (oggi ancora in vendita) che calza negli episodi delle prime stagioni televisive.

Kenneth Hutchinson "Ken Hutch" (David Soul) è invece figlio di un imprenditore, ed è entrato in accademia dopo aver abbandonato gli studi al college. Riservato, timido, intuitivo, a volte quasi intellettuale nonostante il poderoso revolver "Colt Python", calibro 357 Magnum, che brandisce contro i criminali, segue diete macrobiotiche e si allena per restare sempre in forma.

Nella serie hanno un ruolo determinante altri due personaggi: lo scontroso capitano Arold Dobey (Bernie Hamilton), che soltanto nell'episodio pilota viene interpretato dall'attore Richard Ward e, soprattutto, l'informatore Huggy Bear (nome preso da un locale di disc jockey), (Antonio Fargas), proprietario di un bar denominato "THE PITS" - La Fossa, nei bassifondi cittadini e sempre al corrente di tutti i traffici illeciti della città.

Starsky (Paul Michael Glaser) e Hutch (David Soul) guidano una Ford Gran Torino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hazzard (The Dukes of Hazzard) è una serie televisiva statunitense andata in onda sul canale televisivo CBS dal 1979 al 1985. Da novembre 2009 la serie viene trasmessa dal canale satellitare di SKY Fox Retro e dal 2013 anche da Iris.

La serie, ambientata nell'immaginaria contea di Hazzard, situata nello stato della Georgia, narra delle vicende della famiglia Duke, composta dai giovani cugini Bo, Luke, Daisy e dal loro anziano zio Jesse, contrapposta al locale e unico amministratore della contea Jefferson Davis Hogg, detto semplicemente Boss, ed allo sceriffo Rosco P. Coltrane ed ai vice sceriffi Enos Strate e Cletus Hogg.

Bo e Luke sono in libertà condizionale, per cui non possono legalmente oltrepassare i confini della contea senza chiedere il permesso al commissario, ossia Boss Hogg (che non lo fornirebbe) e non possono usare armi da fuoco (nella serie usano archi di tipo sportivo, talvolta legando degli esplosivi ai dardi). Di mestiere concorrono in molte gare automobilistiche della contea e delle zone limitrofe, oltre a svolgere lavoretti per i vecchi amici della famiglia Duke dietro compenso. Prima Bo e Luke consegnavano il whiskey distillato dallo zio Jesse, contrabbandandolo illegalmente. La polizia federale li catturò circa tre anni prima dell'età in cui è ambientata la serie, mandando i due cugini in galera. Zio Jesse barattò la loro libertà condizionata con la promessa che non avrebbe più distillato alcool.

"Boss" Hogg, personaggio avido e ingordo, è spesso implicato in affari poco puliti per arricchirsi alle spalle di altri o che comunque danneggiano i componenti della famiglia Duke, i quali però puntualmente lo smascherano o lo riducono alla sconfitta.

I cugini Luke Duke (Tom Wopat) e Bo Duke (John Schneider)  guidano una Dodge Charger del '69 chiamata "Il Generale Lee"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Colombo (Columbo) è una serie televisiva statunitense di genere poliziesco interpretata da Peter Falk.

Il primo episodio fu trasmesso negli USA il 20 febbraio 1968.

Sugli schermi italiani Colombo fa la sua prima apparizione il 16 novembre 1974 su Telecapodistria, in una prima edizione italiana con titoli degli episodi differenti (e forse differente doppiaggio) rispetto a quelli che tutti conosciamo. Tre anni dopo, a partire dal 6 luglio 1977, la serie debutta anche su Rai 2 e da allora il gradimento del pubblico non si è interrotto, così come le repliche. Gli episodi delle serie vengono regolarmente riproposti sui canali Fox Retro della pay TV SKY.

Origini

Colombo nasce quasi per scommessa da due compagni di college, Richard Levinson e William Link, appassionati di Ellery Queen, che negli anni Sessanta organizzarono lo schema perfetto per un giallo, ribaltando il whodunit di matrice inglese. Infatti, sin dalle prime sequenze lo spettatore conosce l'assassino, perché lo vede compiere il delitto. Il meccanismo sta nel capire come il detective riuscirà a smascherarlo, smontando pezzo per pezzo l'alibi fatto di complicate strutture intellettuali.

Il personaggio del tenente Colombo, interpretato da Bert Freed, era già apparso sullo schermo nell'episodio Enough Rope della serie televisiva antologica The Chevy Mystery Show, trasmesso il 31 luglio 1960, sceneggiato da Levinson e Link e adattato da uno dei racconti pubblicati sull'Alfred Hitchcock's Mystery Magazine.

Il Protagonista

Gran merito della fama del personaggio è dovuta all'interpretazione di Peter Falk, ma la scelta del protagonista da parte degli autori fu non poco travagliata. Anche se all'epoca il nome dell'ispettore non era ancora Colombo ma Fisher, la prima puntata fu, infatti, interpretata da Bert Freed, poi sostituito da Thomas Mitchell. L'interesse mostrato dalla Universal condusse i due ideatori della serie, Richard Levinson e William Link, a cercare un nuovo interprete e la scelta cadde dapprima su Lee J. Cobb e Bing Crosby, ma entrambi rinunciarono per precedenti impegni. Solo allora fu chiamato Peter Falk che divenne il protagonista della serie.

La caratteristica fondamentale per il successo della serie è stata proprio la figura del protagonista: un tenente di origine italiana molto abile, ma (apparentemente) altrettanto distratto, abbigliato in modo molto trasandato, con un vecchio impermeabile sgualcito da cui non si separa mai. Colombo è altresì un incallito fumatore e di solito compare con un mozzicone di sigaro in mano. Per le sue indagini annota sempre appunti in uno stropicciato taccuino. Solo in un episodio, "L'omicidio del professore", ricorre ad un registratore.

Grazie alla sua lunga esperienza nella squadra omicidi, Colombo ha sviluppato una notevole capacità intuitiva, grazie alla quale riesce a individuare quasi subito l'assassino. Una mancanza, un gesto inconsueto del presunto assassino insospettiscono immediatamente il tenente Colombo. Va inoltre detto che il tenente Colombo ha un Q.I. superiore alla media, ciò viene espresso esplicitamente nell'episodio della sesta stagione Prova d'intelligenza.

Colombo guida un'automobile d'importazione, una Peugeot 403 cabriolet grigia del 1959, targata "044 APD", di cui è molto fiero nonostante abbia l'aspetto di un macinino scassato. In due episodi, a chi gli chiede perché non acquisti un'altra vettura, Colombo risponde che in famiglia possiedono già due macchine e quella più vecchia è usata da sua moglie (negli episodi Candidato per il crimine e Il segreto di Nora Chandler).

Nelle foto l'auto di Colombo (Peter Falk), una rugginosa e ammaccata Peugeot 403 cabriolet grigia del 1959

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Charlie's Angels è una serie televisiva prodotta da Aaron Spelling, andata in onda dal 1976 al 1981 sul canale statunitense ABC. Ne sono stati trasmessi 118 episodi, preceduti da un film-pilota andato in onda sei mesi prima dell'inizio effettivo della serie (21 marzo 1976).

I tre "angeli" della prima stagione sono Sabrina Duncan (interpretata da Kate Jackson), Jill Munroe(Farrah Fawcett) e Kelly Garrett (Jaclyn Smith). Nelle stagioni successive, con l'abbandono di Farrah Fawcett alla fine della prima stagione e di Kate Jackson alla fine della terza, i loro personaggi verranno sostituiti da Kris Munroe (la sorella di Jill, interpretata da Cheryl Ladd), e Tiffany Welles (Shelley Hack), che sarà presente solo nella quarta stagione, e poi sostituita da Julie Rogers (Tanya Roberts) presente solo nell'ultima stagione. Fawcett tornerà in qualche episodio, nella terza e quarta serie, ma solo come guest star.

Jaclyn Smith è stata l'unica attrice a recitare in tutte le stagioni della serie insieme a David Doyle, interprete del personaggio di John Bosley, assistente e tramite tra gli "angeli" e Charlie.

Trama

Gli episodi sono incentrati sull'attività di un'agenzia di investigazioni private, la Charles Townsend Investigations, per la quale lavorano tre giovani donne aiutate da un assistente. Il capo, Charlie, non compare mai in volto (in alcuni episodi se ne intravedono da dietro la testa e le braccia) e contatta gli "angeli" solo per telefono attraverso un amplificatore telefonico posto nell'ufficio. Nell'edizione originale la voce di Charlie è di John Forsythe.

Nella foto il Chevrolet Van Mib 77 delle Charlie's Angels

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Mr. Bean è un personaggio comico interpretato dall'attore britannico Rowan Atkinson, creato dallo stesso Atkinson insieme a Richard Curtis e Robin Driscoll.

Nato come personaggio cabarettistico degli anni ottanta, il 1º gennaio 1990 Mr. Bean diventa protagonista di una serie televisiva che dura 5 anni, che viene venduta in oltre 200 paesi e che attualmente viene trasmessa dal canale FOX Italia e dal canale Italia 1, ottenendo ancora oggi un ottimo indice di ascolto.

Caratteristiche

Le caratteristiche principali del personaggio sono: un vestiario formale sempre uguale in ogni puntata (giacca di tweed marrone, camicia bianca, cravatta rossa e pantaloni marrone scuro), non ha un nome, un'auto utilitaria (una Mini verde acido) ed un orsacchiotto di peluche (Teddy) come migliore amico. Vive solo da sempre, ma talvolta frequenta, con esiti spesso disastrosi, una ragazza di nome Irma Gobb e due amici, Rupert e Hubert.

Nella versione italiana Mr. Bean non viene nemmeno doppiato, ma lasciato in lingua originale, dato che le sue battute sono molto limitate all'interno degli episodi.



La Mini

L'auto che Mr. Bean possiede e guida in tutti gli episodi è una British Leyland Mini Mk4 del 1977 con targa SLW 287R. L'auto presenta la guida a destra e la carrozzeria di colore verde acido con il cofano nero, fatta eccezione per i primi episodi registrati dove la Mini era di colore arancione.

Bean le ha impiantato un singolare sistema di antifurto, costituito da un lucchetto posto sotto la serratura della portiera destra e dal volante rimovibile, che lui stacca e porta con sé quando si
allontana dalla vettura.

L'auto è spesso in conflitto con un Reliant Regal Supervan III celeste a tre ruote, con targa GRA 26K, che urta in azzardati sorpassi, spinge per farsi spazio nei parcheggi, fa ribaltare, o che viene ignorato dallo stesso Bean quando il proprietario lo ferma per dargli un passaggio in autostop.

Reliant Regal Supervan

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Santo (The Saint) è una serie televisiva britannica ideata nei primi anni sessanta e prodotta dal 1962 al 1969 dalla ITC per la catena televisiva ITV.

Le prime 4 stagioni sono state girate in bianco e nero (71 episodi totali), per passare al colore nelle ultime due (47 episodi totali).

La serie si basa sul personaggio letterario Simon Templar soprannominato "Il Santo", ideato da Leslie Charteris nel 1928 come protagonista del romanzo Meet the Tiger!.

La serie è basata sulle avventure di Simon Templar, detto "il Santo", un ladro gentiluomo.

Come nella serie di romanzi, l'ispettore Teal di Scotland Yard cerca continuamente di arrestarlo mentre lui si getta in avventure al limite del legale, spesso in difesa di belle donne contro violenti criminali o ricchi senza scrupoli. Si ripete in chiave moderna l'epica di Robin Hood.

Simon Templar è interpretato da Roger Moore e guida una Volvo P1800.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il ritorno di Simon Templar (Return of the Saint) è una serie televisiva britannica in 24 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di una sola stagione dal 1978 al 1979. È il remake della serie degli anni 60 Il Santo e si basa sul personaggio letterario di Simon Templar nato nel 1928 dalla penna di Leslie Charteris. La serie è conosciuta in Italia anche con il titolo Il ritorno del Santo.

Simon Templar in questa serie interpretato da Ian Ogilvy guida una Jaguar XJ-S.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Magnum, P.I. è una serie televisiva statunitense, di genere poliziesco, creata da Donald P. Bellisario e Glen A. Larson, e prodotta dal 1980 al 1988.

La serie è stata trasmessa in prima visione negli Stati Uniti dalla CBS dall'11 dicembre 1980. Fuori dagli Stati Uniti è stata trasmessa a partire dal 1981; in particolare, in Italia la serie è stata trasmessa dal 1982 al 1990 dapprima da Canale 5 e successivamente da Italia 1.

Thomas Sullivan Magnum IV, più semplicemente Magnum, è un ufficiale di Marina decorato nella guerra del Vietnam dove combatté prima con i Navy SEAL e poi con il servizio segreto della marina, cosa che gli sarà utile in molte delle sue indagini (vedi i rapporti con il suo grande amico Mac Reynolds), congedandosi dopo una decina d'anni di servizio. Nella vita civile ha intrapreso l'attività di investigatore privato (da cui il "P.I.", acronimo del corrispondente termine inglese Private Investigator), termine che lui preferisce di gran lunga a quello di detective. Magnum vive nella dependance di una lussuosa villa in riva al mare sull'isola hawaiiana di Oahu su invito del padrone di casa, l'eccentrico scrittore di gialli Robin Masters (personaggio che non appare mai integralmente nella serie), la cui ospitalità è ricambiata con l'attività di responsabile della sicurezza che Magnum fornisce alla proprietà.

A mandare avanti la casa di Robin Masters è il maggiordomo e factotum inglese Jonathan Quayle Higgins III, ex sergente maggiore della British Army, che si avvale anche dell'aiuto dei suoi "ragazzi", due dobermann bene addestrati, Zeus e Apollo. Per il personaggio di Higgins, Donald P. Bellisario si ispirò al Richard Attenborough del film Cannoni a Batasi (1964) di John Guillermin.

Magnum interpretato da Tom Selleck guida una Ferrari 308 GTS.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CSI: Miami è una serie televisiva statunitense prodotta dal 2002 al 2012.

Si tratta del primo spin-off della serie TV CSI - Scena del crimine, le cui vicende ruotano attorno alle indagini della squadra del "turno di giorno" della polizia scientifica di Miami. Sebbene la serie sia accomunata a CSI - Scena del crimine per quanto riguarda il metodo di indagine e ricerca delle prove, talvolta CSI: Miami si avvicina alle serie poliziesche in senso stretto in quanto è caratterizzata da un ruolo più preponderante dell'azione vera e propria, che in alcuni episodi ruba la scena all'analisi scientifica.

Secondo una ricerca del 2006 condotta in oltre 20 paesi, CSI: Miami è risultata essere la serie televisiva più vista al mondo.

Dopo aver ridotto l'ordine per la decima stagione a soli 19 episodi allo scopo di far posto in palinsesto alla nuova serie NYC 22, il 13 maggio 2012 il network CBS ha comunicato che non avrebbe ordinato un'undicesima stagione dello show, decretandone ufficialmente la cancellazione.

Il Tenente Horatio Caine interpretato da David Caruso guida un Hummer H2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attenti a quei due (The Persuaders!) è il titolo di una serie televisiva britannica ideata e prodotta nel 1970-1971 da Robert S.Baker[1] e trasmessa nel 1971-1972 in una sola stagione di 24 episodi dalla rete televisiva ITV (negli Stati Uniti fu invece distribuita, all'incirca nello stesso periodo, dal network ABC).

La serie si caratterizzò ai tempi per il budget altissimo, 100.000 sterline del tempo. I ruoli dei due protagonisti furono affidati a due star del calibro di Tony Curtis (la cui carriera cinematografica era in declino dopo i fasti degli anni cinquanta), nel ruolo del milionario statunitense Danny Wilde e di Roger Moore (reduce da un decennale successo come Simon Templar nella serie Il Santo - The Saint), qui nel ruolo del pari inglese Lord Brett Sinclair.

La serie gioca sulla forte diversità dei due personaggi, rivali e amici impegnati in scanzonate avventure ambientate attraverso l'Europa, tra belle donne, automobili di lusso e fine humour inglese. La precipitosa chiusura della serie, di cui infatti non esiste un episodio conclusivo, fu determinata da numerose concause mai completamente chiarite. Le due principali furono lo scarso successo che ottenne negli Stati Uniti (a fronte di ascolti record in Europa), forse dovuto alle sue caratteristiche, per quei tempi fin troppo innovative e ironiche per il pubblico statunitense; a questo si aggiunse la volontà di Roger Moore di vestire i panni di James Bond.

Di Attenti a quei due rimane celebre anche il motivo musicale della sigla, uno dei più famosi e riconoscibili della storia televisiva, composto da John Barry, già autore delle musiche dei film di James Bond, che utilizzò uno strumento di origine araba, il Qanun.

Nel corso del 2004 è uscita in 12 DVD la versione rimasterizzata con le scene eliminate nell'edizione originale italiana e audio italiano e inglese (ma il titolo nella sigla non è quello italiano come nei master per la tv).

La serie è attualmente in onda sul canale satellitare di Sky Fox Retro

Brett Sinclair (Roger Moore) guida una Aston Martin DBS color Bahama Yellow, Danny Wilde (Tony Curtis) guida una Ferrari Dino 246 GT color arancio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il prigioniero (The Prisoner) è una serie televisiva britannica del 1967 di genere fantascientifico (più precisamente fantapolitico), interpretata da Patrick McGoohan, creata dallo stesso McGoohan e George Markstein. McGoohan inoltre ha scritto e diretto parecchi episodi, spesso sotto uno pseudonimo.

Il personaggio principale è un ex-agente segreto del governo britannico, che immediatamente dopo le sue dimissioni viene imprigionato in un piccolo villaggio con abitazioni e monumenti in stile mediterraneo, situato in una località sconosciuta, dove «con le buone o con le cattive» i capi del Villaggio cercheranno di carpirgli le ragioni delle sue dimissioni. Il protagonista si ritrova quindi privato dei più elementari diritti, persino del nome, visto che tutti si rivolgono a lui chiamandolo Numero 6 (spettatore compreso, dato che il vero nome del protagonista non viene mai rivelato). Per tutta la durata della serie, Numero 6 si ribella ai tentativi dei suoi rapitori di piegare la sua volontà, e tenta con tenacia sia la fuga, sia d'infrangere i segreti che lo circondano. In particolare, cercherà di scoprire l'identità del misterioso Numero 1, dal quale i capi del Villaggio (i Numero 2, che cambiano in ogni episodio) prendono ordini.

Il Prigioniero interpretato da Partick McGoohan guida una Lotus Super Seven, nel villaggio come taxi viene usato una Austin Mini Moke.

Lotus Super Seven - Il Prigioniero
Austin Mini Moke - Il Prigioniero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Batman è una serie televisiva basata sull'omonimo personaggio dei fumetti e trasmessa dall'ABC dal 12 gennaio 1966 al 14 marzo 1968.

La serie era caratterizzata dai costumi sgargianti dei nemici di Batman, dalla Batmobile riprodotta fedelmente rispettando il fumetto originale e dalle scazzottate a tempo di musica tra Batman e il suo aiutante Robin e i supercriminali loro nemici (il Joker, il Pinguino, ecc.), nelle quali i "colpi" venivano enfatizzati con scritte onomatopeiche che rendevano il telefilm simile a un fumetto animato.

La celebre Corgi Toys Batmobile è una Lincoln Futura modificata da George Barris e a nel mare un Glastron V-174 Merc Cruiser Chevy V-6 (Batboat).

Rara e costosa Corgi Toys Lincoln Futura Batmobile prima serie anni 60'
Corgi Toys Lincoln Futura Batmobile seconda serie anni 60'
Corgi Toys - Nella cronologia del fumetto una delle prime Batmobil
Corgi Toys - Altro Modello di Batmobile
Corgi Toys.- Una versione più moderna della Batmobile
Glastron V-174 Merc Cruiser Chevy V-6 (Batboat)
Corgi Toys - L'Auto del Pinguino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vega$ è una serie televisiva statunitense in 69 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di 3 stagioni dal 1978 al 1981.

Trama

L'investigatore privato Dan Tanna guida per le strade di Las Vegas nella sua Ford Thunderbird del 1957 rossa per risolvere i crimini e per fare di Las Vegas un posto migliore per residenti e turisti. Il suo cliente principale è Phillip Roth (Tony Curtis), alias Slick, proprietario di casinò e alberghi tra cui il Maxim Hotel e il Desert Inn Hotel & Country Club, a Las Vegas. Tanna viene chiamato quando succede qualcosa nell'hotel. Molte volte l'investigatore deve indagare su atti meramente criminali, altre volte è portato ad indagare su situazioni farsesche. Ad esempio, in un episodio, una suora rivendica la proprietà del terreno su cui sorge il Desert Inn perché le è stato lasciato in eredità un atto da un vecchio cercatore d'oro che è morto e vuole trasformare l'albergo in un convento.

Tanna vive sulla Las Vegas Strip accanto al Circus Circus Hotel, in un magazzino di proprietà del Desert Inn Hotel and Country Club. Qui parcheggia la sua auto nel salotto. Tanna utilizza anche gadget che high-tech (per il periodo) come ad esempio un telefono in auto con una segreteria telefonica che fisicamente alza la cornetta e risponde tramite un registratore a nastro. Tanna spesso combatte con molti criminali tra cui uno psicopatico e un boss mafioso di nome Martin Gleaver.

Tanna è un veterano della guerra del Vietnam. Ciò viene illustrato attraverso dei flashback in vari episodi.

Dan Tanna interpretato da Robert Urich guida una Ford Thunderbird Convertible.



Premendo un tasto parte il razzo frontale e premendo un altro tasto parte una elica dal bagagliaio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Calabrone Verde (The Green Hornet) è un personaggio ideato da George W. Trendle e Fran Striker per un serial radiofonico statunitense del 1936, con la voce di Al Hodge. Si tratta di un combattente del crimine che conduce una doppia vita: ufficialmente è un editore di un giornale ma segretamente combatte il crimine indossando una maschera ed un vestito verde, avvalendosi dell'aiuto dell'asiatico Kato. Il personaggio è un prototipo dei supereroi mascherati che qualche anno più tardi domineranno le riviste a fumetti.

Il suo debutto radiofonico è del 31 gennaio 1936 e in seguito è apparso in più media, tra cui un serial cinematografico, una serie televisiva e diversi albi a fumetti a partire dagli anni quaranta fino ad arrivare ai giorni nostri. La casa editrice statunitense che ne detiene i diritti per l'editoria a fumetti è attualmente la Dynamite Entertainment.

La serie tv Il Calabrone Verde (The Green Hornet) fu trasmessa dal 1966 al 1967 dal canale statunitense ABC e prodotta per una singola stagione. È rimasta nota per aver reso celebre l'attore Bruce Lee nel ruolo di Kato, l'assistente del protagonista (interpretato da Van Williams).

Spesso gli episodi affrontano temi quali la mafia, le triadi, la droga.

Il 28 gennaio 2011 è uscito in Italia il primo lungometraggio sul personaggio, The Green Hornet, diretto dal francese Michel Gondry per la Sony Pictures Entertainment, con Seth Rogen nel ruolo di Brit Reid / Calabrone Verde, Jay Chou nel ruolo di Kato e Cameron Diaz nel ruolo di Lenore Case, mentre è stato lo stesso protagonista Seth Rogen assieme a Evan Goldberg ad occuparsi della sceneggiatura.

Il Calabrone Verde guida una Chrysler Imperial chiamata "Black Beauty"

Premendo il periscopio sul tetto si alternano le figure fuori dai finestrini sparando

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Organizzazione U.N.C.L.E. (The Man from U.N.C.L.E.) è una serie televisiva statunitense in 105 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di 4 stagioni dal 1964 al 1968. È conosciuta anche come L'uomo dell'U.N.C.L.E. o Quelli della U.N.C.L.E..

Un film per la televisione intitolato The Return of the Man from U.N.C.L.E. fu trasmesso negli Stati Uniti nel 1983. Ha generato anche lo spin-off Agenzia U.N.C.L.E. (The Girl from U.N.C.L.E., 1966-1967, 29 episodi)

Napoleon Solo e Illya Kuryakin sono due agenti del Comando Network for Law Enforcement (UNCLE in inglese: il comando Network for Law and Enforcement), lotta contro il male (soprattutto contro un'organizzazione di cattivi chiamati mughetto) e fascino, intelletto e una gamma infinita di gadget.

Gli agenti della U.N.C.L.E. guidano una Oldsmobile 88 Thrushbuster e una AMT Piranha.

AMT Piranha, premendo le ruote anteriori parte un razzo dal cofano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Supercar (Knight Rider) è una serie televisiva statunitense prodotta tra il 1982 e il 1986, interpretata da David Hasselhoff.

La vicenda inizia con il salvataggio di un uomo da parte delle industrie Knight, l'uomo e' Michael Arthur Long (interpretato da Larry Anderson), che viene quasi ucciso da dei criminali. La sua vita cambia completamente: diventa Michael Knight (interpretato da David Hasselhoff) ed assieme a KITT, un'automobile completamente automatizzata e in grado di parlare, controllata da un'intelligenza artificiale, comincerà una lunga battaglia contro "le forze del male".

Michael Knight interpretato da David Hasselhoff guida una Pontiac Firebird Trans Am modificata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A-Team (The A-Team) è una serie televisiva statunitense prodotta dal 1983 al 1987.

Prodotto da Stephen J. Cannell, questa serie segue il filone di un "militarismo buono" dove armi ingegnose e letali non portano mai a uccisioni o gravi ferite, seguendo una caratteristica tipica dell'intrattenimento popolare negli anni ottanta.

Il nome A-Team si riferisce indirettamente agli "A-Teams", nome con cui si intendono gli ODA, Operational Detachments Alpha (Distaccamenti Operativi Alfa).

La serie è stata trasmessa in prima visione negli Stati uniti da NBC. In Italia la serie è stata trasmessa per la prima volta nel 1984 da Rete 4, mentre sul satellite è stata trasmessa per la prima volta negli anni duemila da Fox Retro.

Nel 2010 è uscito nei cinema un film omonimo basato sulla serie televisiva, A-Team

Il gruppo A-Team usa un Van GMC Vandura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Agente speciale (The Avengers nell'originale inglese) è una serie televisiva britannica prodotta negli anni sessanta. Tratta di agenti segreti in un'ambientazione di fantasia. Il programma, prodotto dalla compagnia televisiva Associated British Corporation e ideato da Sydney Newman, è uno dei primi esempi del genere fanta-spionistico (SpyFi in inglese) che combina trame di spionaggio con elementi fantascientifici.

La serie si compone di 6 stagioni, nelle quali il protagonista John Steed, un agente speciale, è affiancato da un partner nella risoluzione delle indagini, spesso ai confini della realtà. In queste 6 stagioni, John Steed è sempre impersonato da Patrick Macnee. Tutte le stagioni sono state realizzate in Inghilterra, dal gennaio 1961 al settembre 1969, le prime 4 in b/n e le ultime 2 a colori per un totale di 161 episodi. La sigla di coda della serie è il brano Avengers (di G. Ferrio, P. Cassia e F. Monti Arduini), cantato da Nancy Cuomo. Fu un notevole successo, anche radiofonico.

Derivazioni

Il seguito televisivo della serie, Gli infallibili tre (The New Avengers) è stata prodotta e girata nel 1976 in Inghilterra (prima stagione) e nel 1977 (seconda stagione) in Inghilterra, Francia e Canada. Si tratta di 26 episodi in tutto, John Steed, sempre interpretato da Patrick Macnee, è affiancato da Purdey (Joanna Lumley) e Mike Gambit (Gareth Hunt).

Nel 1998 le gesta di Emma Peel e John Steed vivono una nuova vita nel film The Avengers - Agenti speciali(The Avengers) di Jeremiah Chechik. Ad interpretare i due agenti speciali sono chiamati Uma Thurman e Ralph Fiennes, mentre l'ex 007 Sean Connery si diverte nella parte del cattivo.

Trama Serie Televisiva

La prima stagione non ha molto successo con la figura del medico David Keel (Ian Hendry) che si muove in uno scontato spionaggio classico.

Il successo della serie arriva dalla seconda stagione, quando al fianco di Patrick Macnee alias John Steed, recita Honor Blackman alias Cathy Gale (durante 43 episodi ma durante la seconda stagione, Steed ha due altri accoliti: Dr. King (Jon Rollason, 3 episodi) e Venus Smith (Julie Stevens, 6 episodi)).

Nella quarta stagione, con l'arrivo di Diana Rigg nel ruolo della provocante Emma Peel, la serie arriva all'apice del successo, con storie dominate dalla spumeggiante ironia dei protagonisti in un ambiente surreale con chiaro richiamo anglosassone.

L'avvento del colore arriva con la quinta serie e la consacrazione definitiva del serial, anche negli USA, ne fa uno dei telefilm di maggior successo.

Nel 1969, Diana Rigg, impegnata nelle riprese del film Agente 007 - Al servizio segreto di Sua Maestà, dovette abbandonare la serie, sostituita dall'ultima partner di Steed, Linda Thorson alias Tara King. Ma, al termine della stagione, la serie chiuse a causa degli alti costi di produzione.

John Steed guida una Bentley Six Speed 1926 un modello rossa ed uno  verde, Emma Peel guida una Lotus Elan Series 2 1964  un modello bianca e un modello blue.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lost è una serie televisiva statunitense creata da J.J. Abrams, Damon Lindelof e Jeffrey Lieber. Prodotta da ABC, Bad Robot Productions e Grass Skirt Productions, la serie è stata trasmessa negli Stati Uniti dal 2004 al 2010.

La sceneggiatura è stata scritta da Abrams, Lindelof e Lieber, mentre la colonna sonora è stata composta da Michael Giacchino. Le riprese di Lost si sono svolte principalmente sull'isola di Oahu (Hawaii), e la serie è considerata una delle produzioni più costose della storia della televisione. I produttori esecutivi della serie sono stati Abrams, Lindelof, Edward Kitsis, Adam Horowitz, Jack Bender e Carlton Cuse.

Acclamato dal pubblico e dalla critica, Lost ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui un Golden Globe e tre Emmy Award, registrando un'audience di più di 16 milioni di telespettatori alle prime messe in onda di ciascun episodio della prima stagione della serie.

La serie è divenuta parte della cultura popolare americana ed al suo interno si possono trovare diversi riferimenti alla storia, ad opere letterarie e cinematografiche e a brani musicali. Vi sono poi riferimenti a Lost anche all'interno di film, fumetti e videogiochi. L'universo immaginario della serie ha dato vita a videogiochi, libri sull'argomento e alternate reality game tra cui The Lost Experience, Find 81 e Lost University.

Trama

Il 22 settembre 2004 l'aereo di linea 815 della compagnia australiana Oceanic Airlines, in volo da Sydney a Los Angeles, si schianta presso un'Isola apparentemente disabitata. I 48 sopravvissuti si accampano sulla spiaggia e si organizzano per resistere fino all'arrivo dei soccorsi, che però tardano ad arrivare. Ben presto, però, scoprono che il loro aereo è uscito dalla rotta prevista di circa mille miglia e che l'isola è teatro di una serie di eventi apparentemente inspiegabili. Nel tentativo di trovare un modo per fuggire, si renderanno conto che altre persone, prima di loro, sono naufragate su quell'isola e probabilmente sono ancora lì.

Nel frattempo, iniziano a nascere amicizie e tensioni tra i vari superstiti, le cui storie personali celano molti segreti, con cui saranno costretti a confrontarsi.

Nella foto il Volkswagen Dharma Van.



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ispettore Morse (Inspector Morse) è una serie televisiva britannica in 33 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di 12 stagioni dal 1987 al 2000. La serie è basata sul personaggio dell'ispettore Morse dei romanzi di Colin Dexter (che compare in diversi camei) e comprende 33 episodi trasmessi nel corso di 13 anni. Le ultime stagioni sono composte da un solo episodio della durata di circa 100 minuti.

L'Ispettore Morse guida una Jaguar MKII.

Girando una rotella sotto il bagagliaio si sente il suono degli spari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Kojak (o anche Il tenente Kojak) è una serie televisiva statunitense in 118 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di 5 stagioni dal 1973 al 1978. La serie fu preceduta da un film TV pilota trasmesso l'8 marzo 1973: Tenente Kojak il caso Nelson è suo (The Marcus Nelson Murders), inserito poi come episodio zero nella prima stagione.

È una serie gialla poliziesca incentrata sui casi affrontati dal tenente Theo Kojak, investigatore di polizia del tredicesimo distretto di Manhattan. Nel 1999 TV Guide classificò Theo Kojak al 18º posto nella classifica dei 50 più grandi personaggi televisivi di tutti i tempi

Trama

Theodore ( "Theo") Kojak è un duro, incorruttibile, calvo ed elegante tenente della polizia dell'undicesimo distretto di Manhattan appassionato di lecca-lecca. Kojak è ostinato e tenace nelle indagini e mostra anche uno spirito cinico, insieme alla tendenza ad andare oltre le regole quando deve portare un criminale di fronte alla giustizia. Savalas descrisse Kojak come un uomo dal "carattere fondamentalmente onesto, duro ma con i sentimenti, il tipo di ragazzo che avrebbe preso a calci una prostituta se avesse dovuto, ma entrambi si sarebbero compresi a vicenda perché magari erano cresciuti nello stesso quartiere".

Il suo supervisore è il capitano Frank McNeil. In seguito, nel corso della serie, McNeil viene promosso a capo dei detective di Manhattan. Kojak è il capitano di una squadra di detective di South Manhattan. La sua squadra comprende il giovane detective Bobby Crocker, il detective Stavros (interpretato dal fratello di Telly Savalas, George Savalas, che originariamente utilizzò il nome "Demosthenes" nei crediti) e i detective Saperstein (Mark Russell) e Rizzo (Vince Conti). Anche se la serie si concentra principalmente sul lavoro di polizia di Kojak, di tanto in tanto alcune sottotrame coinvolgono altre aree della vita del personaggio, come nel primo episodio Knockover, in cui Kojak intraprende una relazione romantica con una donna ufficiale di polizia molto più giovane. La serie si concluse nel 1978, dopo cinque stagioni, a causa dei bassi ascolti.

Anni dopo la conclusione, Savalas riprese il ruolo in due film per la televisione, Assassino a piede libero (Kojak: The Belarus File) (1985), un adattamento del romanzo di John Loftus The Belarus Secret, e Kojak: le scatole cinesi (Kojak: The Price of Justice) (1987), basato sul di romanzo di Dorothy Uhnak The Investigation. Nel 1989-1990, Kojak tornò in televisione in cinque film per la TV di due ore che andarono in onda sulla ABC, a rotazione con tre altre serie come parte della serie ABC Mystery Movie. In questo revival Kojak non è più un tenente al comando di una squadra di detective ma viene promosso ispettore e messo a capo di una sezione del NYPD.

Il tenente Kojak interpretato da Terry Savalas guida una Buick Century Regal (1974)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 I mostri (The Munsters) è una situation comedy brillante con elementi horror prodotta negli Stati Uniti e andata in onda per la prima volta dal 24 settembre 1964 sul network statunitense CBS.

Trama

I protagonisti della serie televisiva sono una famiglia di mostri che vive in un sinistro maniero come una qualsiasi famiglia americana. I membri di questa bizzarra famiglia sono il padre Herman, una sorta di mostro di Frankenstein che fa sentire la sua forza così come impone l'ordine nella casa; la madre Lily, una specie di vampira ricalcata sul modello della famosa Bride of Frankenstein; il nonno, un vampiro vestito nella "classica" tenuta resa famosa da Bela Lugosi; il piccolo Eddie Wolfgang, lupo mannaro, e la figlia Marilyn, l'unica ragazza "normale" della famiglia in tutti i sensi.

Rivalità con "La Famiglia Adams"

Nella stessa stagione televisiva in cui i Munsters debuttavano sugli schermi del network statunitense CBS un'altra famiglia di "mostri per bene" andava in onda sulla rivale ABC, quella degli Addams. Le differenze fra gli show (entrambi in bianco e nero e incentrati sulla quotidianità di una lugubre ma adorabile famiglia) stanno soprattutto nella natura soprannaturale dei personaggi (palese per i Munsters, implicita per gli Addams, che tuttavia mostravano talenti e capacità chiaramente non umane) e nel loro livello socio-economico (gli Addams erano presentati come industriali e possidenti, i Munsters erano più proletari). In breve si creò una certa rivalità fra i fan delle due serie, che vennero ambedue interrotte nello stesso anno (il 1966).

Herman Munster guida "The Munster Koach" Ford T Frame modificata dalla Barris Kustom Industries product mentre Grampa (Sam Dracula) guida  "Drag-gu-la" un dragster realizzato sempre da Barris Kustom Industries product.

"The Munster Koach" Ford T Frame modificata dalla Barris Kustom Industries product
"The Drag-gu-la" un dragster realizzato da Barris Kustom Industries product.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The Beverly Hillbillies è una sitcom statunitense originariamente trasmessa per nove stagioni dalla CBS dal 1962 al 1971. La serie fu ideata da Paul Henning e vedeva protagonisti Buddy Ebsen, Irene Ryan, Donna Douglas e Max Baer, Jr. La serie ruota intorno ad una povera famiglia di boscaioli trasferitasi a Beverly Hills, in California, dopo aver trovato il petrolio nel proprio territorio.

The Beverly Hillbillies si è classificata tra le prime dodici
serie televisive più viste per sette delle nove stagioni in cui è andata
in onda, raggiungendo per due volte la prima posizione, con una serie
di episodi che rimangono fra i più visti nella storia della televisione.

L'enorme popolarità della serie ha fatto sì che nel 1993 la 20th Century Fox ha prodotto un remake

omonimo.

La famiglia guida una strampalata vettura chiamata REO - Reo Motor Car Co. Lansing Michigan del 1917.

cinturoni, fondine, scatole porta armi